www.carlodelli.com

Banner

Notizie

Notizie flash

2019...  anno contrassegnato soprattutto dalla ristrutturazione di un grande immobile che sarà la mia factory e gallery !!! A Livorno...

maggio Finalmente "professore" all'Università, "Fotografare la diversità, dalla Natura alle Persone" nell'ambito di un Corso di aggiornamento per Ingegneri, alla facoltà di Ingegneria di Pisa

marzo Nuova Conferenza "Bellezza, Fotografia e Spiritualità" organizzata da A.M.M.I. all'hotel Duomo di Pisa

febbraio  Inzio una collaborazione stabile con il magazine "Camera Chiara"

2018

dicembre Conferenza nell'ambito di Evolution Day sul rapporto tra Immaginazione Creativa e Fotografie.

ottobre Tra le mie varie conferenze segnalo una PRIMA assoluta: "FOTOGRAFIA e SPIRITUALITA' - Fotografare in comunione con l'Universo" a Campi Bisenzio

ottobre Mostre "San Rossore" e la novità "IL RAPIDO CONFINE" nel bellissimo Chiostro di Cennano, a Montevarchi

settembre Mostra NEW MAYIM nell'ambito di FotoincontriOFF a Bibbiena

maggio Dopo due anni sabbatici: Collettiva nella Galleria milanese QUINTOCORTILE, dal titolo Figurativastrattivo nell'ambiìto del FOTOFESTIVAL, con l'opera unica "Ordinary wonder".

aprile 4° incontro di "Carlo Delli . CREATIVE LIFE" a Marina di Carrara organizzzato dal Circolo Fotografico Apuano

aprile Conferenza per la chiusura del Corso di Fotografia di Roberto Evangelisti al CRDU dell'Università di Pisa

marzo Conferenza "Ricerca, reportage, street photography o foto singola...in pratica" a Calci organizzata da IL GRUPPO

febbraio Collettiva d'Arte  "Più di trenta" , Studio Gennai, Pisa.

febbraio Conferenza "Ricerca, reportage, street photography o foto singola...in pratica", presso il Circolo Fotografico San Giorgio di Albenga SV

2017

giugno Nella splendida cornice della Certosa di Calci sono relatore al workshop "Fotografare il comportamento animale"

giugno Interessante e proficua presentazione del mio libro "... nelle nostre ossa" presso la Coop di Porta a Mare a Pisa!!

maggio Serata di Creative Life a Campi Bisenzio, su invito del grande Giorgio Tani presso il Gruppo fotografico IDEA VISIVA

maggio Sono relatore alla Gionata di Studio "Piante e animali" alla Facoltà di Agraria di Pisa

aprile Con grande piacere sono stato invitato a Firenze dal fotoclub IL CUPOLONE per una serata su fotografia e poesia.

marzo Davvero molto interessante il convegno su Astrattismo e Natura a Palazzo Vitelli a Pisa, che mi ha visto tra i relatori.

febbraio 100° conferenza!!!  Presso il Circolo FotoCineGarfagnana, a Castelnuovo Garfagnana, "INCONTRO CON l'AUTORE-CARLO DELLI"

a gennaio è uscito il mio Ebook, che è anche un AUDIOLIBRO, "...sulle nostre ossa", che racconta una breve ma intensa storia in liriche e fotografie. Lo trovate su www.intrecciedizioni.it o su Ibook dell'Apple Store.

11 novembre 2016: I° incontro Carlo Delli . creative life , Pisa, via Valgimigli 1

22 aprile 2016: sono relatore all'incontro-dibattito su "Etica e atto fotografico oggi" alla Scuola Superiore S.Anna di Pisa.

Marzo 2016: la mia opera "La Terra non ci guarderà mai", appositamente creata per il tema "Il cinema e lo sguardo degli altri" è esposta al MAM - Museo Arte Moderna - di Cosenza.

Dal 26 settembre al 18 ottobre 2015 ho esposto un dittico di Fotografie e FotoScultuRes al Museo di Arte Contemporanea Carà di Muggia-Trieste.

New York !!! Dal 21 maggio al 3 giugno 2015 esposizione di fotografie e fotosculture della serie "Mari" nella bella ONISHI Gallery nel quartiere artistico di Manhattan, Chelsea, comprese nella mostra "The vibrancy of being human".

Aprile 2015: impegnativo SOLO STAND alla Fiera M.I.A. , Milan Image Art, insieme alla Galleria Spaziofarini6 di Milano.

Aprile 2014: emozionante mostra personale nella Galleria 10.2! International Research Contemporary Art di Milano, curata da Gigliola Foschi, con le fotografie de I racconti di Mayim e il Video IO sono molto più di mayim n°1.

Dal 21 dicembre 2013 al 30 marzo 2014 la mia mostra "Dell'acqua e della luce" nelle due grandi sale del secondo piano di Palazzo Lanfranchi a Pisa. 24 fotografie in grande formato tra cui le 10 inedite di "IN UTERO".

Nell'agosto 2013 una mia opera e un mio testo poetico alla collettiva Luci e ombre - Tornare @ Itaca a Grimaldi, in Calabria. La mostra è replicata a Milano in novembre-dicembre.

Nel giugno 2013 ho partecipato alla collettiva "Natura permanente e la Cura - l'acqua, l'aria" a Palazzo Pirola a Gorgonzola, con testi di Eleonora Fiorani, con le opere Mare n°3 e Mare-fuori serie n°1.

Nel maggio 2013 sono stato presente alla collettiva "Shop_Les jeux d'amour" nella Galleria OSTRAKON di Milano, con un'opera di FotoSculptuRes in vetro, fotografia, legno e resina, della serie "Nell'ora che mi conosci".

Novembre 2012: per la seconda volta sono all'evento "ARTISTA DI LIBRO" alla Galleria 10.2! di Milano con l'opera "...sulle nostre e sulle vostre ossa".

Il 24 maggio 2012 ho presentato il mio libro d'arte "Trattato sull'apparizione delle lettere e delle immagini" nella galleria DIE MAUER a Prato, insieme al prof. Massimo Mussini.

Aprile-agosto 2012: due mie opere della serie "I racconti di Majim" - in formato 66x100cm sotto plexiglass - alla mostra "Acqua è energia" all'Acquario Civico di Milano nell'ambito di PhotoFestival 2012.

L'evento-mostra ARTISTA di LIBRO mi ha visto tra gli 8 partecipanti alla Galleria 10.2! di Milano. Il vernissage, sabato 8 ottobre 2011, è stato molto positivo!

Il 10 giugno 2011 ho presentato all'SMS di Pisa il mio libro fotografico NATURA di S.ROSSORE-CREAZIONI. Tanta gente, tanti fotografi, tanti amici! davvero una serata emozionante, grazie a tutti!

Nel maggio 2011 è stata aperta nella sede milanese della Galleria 10.2! International Research Contemporary Art la mia mostra "Fotocreature DigOut", curata da Lorella Giudici e Denis Curti.

Febbraio 2011: ho partecipato alla Fiera d'Arte AFFORDABLE ART FAIR - MILANO www.affordableartfair.com come artista della Galleria milanese 10.2! International Research Contemporary Art !! www.diecipuntodue.it

Il 29 gennaio 2011 si è tenuto l'evento CARLODELLI - POESIA, FOTOGRAFIA e IMMAGINE nell'Aula Magna del S.Anna a Pisa, con Bob Evangelisti, Athos Bigongiali e Pierantonio Pardi

Una mia opera è stata presente all'evento "TUTTO IN UNA SCATOLA... D'ARTISTA" nella Biblioteca di Filosofia e Storia, a Pisa, dal 2/10 fino al 31/12/2010

Nel luglio e agosto 2010 si è tenuta la mostra I racconti di Majim e altre storie nei grandi spazi dello STUDIO GENNAI di PISA.

Dal 14 al 27 maggio 2010 ho tenuto la mostra FOTOCREATURE-INSIDER EXPOSITION nel bellissimo spazio dello Studio d'Arte Pucci a Pietrasanta.

Dal 17 aprile fino al 18 maggio 2010 mostra personale "MAJIM-Fotocreature" all'SMS in San Michele degli Scalzi a PISA, nell'ambito de "IL FUTURO DELL'ACQUA".

12/2009 La FIAP mi ha conferito la sua massima onereficenza: MAESTRO FIAP.

11/2009 E' nato il "TRATTATO sull'APPARIZIONE delle IMMAGINI e delle LETTERE", una edizione speciale in due tirature limitate del mio ultimo libro di poesie.

11/2009 Col progetto FOTOCREATURE DIG-OUT sono uno dei 24 finalisti del XIII Premio Internazionale MASSENZIO ARTE a ROMA. (vedi www.massenzioarte.it).

07/2009 E' terminata il 23 luglio una mia mostra nel bellissimo ambiente SPAZIO81-MORE a Milano. Si può vedere nella sez. MOSTRA MILANO 2009 nel mio sito principale (www.fotocreature.com)

07/2009 Ho realizzato una foto per la copertina del disco "Sorry but I feel so bad" del gruppo rock "The Blacklies": vedere su www.theblacklies.com.

15 maggio 2009: sono stato presente al Circolo fotografico LE GRU di Valverde (Catania) alla inaugurazione di una mia mostra con un interessante dibattito. Grazie agli amici siciliani!!

11/2008 Un mio ritratto in b/n del poeta Alberto Caramella è sulla copertina del doppio CD "Il soggetto è il mare" con musiche di Gianmario Liuni e testi di Alberto Caramella

Rospi della Versilia

 

 

 

 

 

 

La mia principale ricerca fotonaturalistica si svolge ormai da sei anni negli incredibili scenari dei torrenti dell'Alta Versilia ed ha come tema l'acqua, dalle nuvole alle larve di zanzara, ma uno dei temi che più mi hanno preso e anche divertito è quello dei rospi. Due specie soprattutto: il rospo comune e l'ululone dal ventre giallo.
Le prime quattro immagini della galleria riportano tre degli innumerevoli diversi paesaggi che i torrenti dell'Alta Versilia, dove sono stati fotografati i rospi, offrono. Paesaggi di una bellezza insospettabile, spesso coloratissimi e anche molto variabili: la terza e la quarta foto sono ad esempio la stessa cascata in momenti diversi e in particolare di questa cascata ho almeno quattro situazioni talmente diverse da sembrare falsificate. Tutto è però su diapositiva originale a 50 asa.
Ci sono poi 17 foto con ritratti e vari accoppiamenti di rospo comune, 3 foto dei girini e infine 5 immagini riguardanti l'ululone dal ventre giallo. In diverse foto si vedono anche i cordoni gelatinosi contenenti le uova. Non sembrino eccessivi i colori, come ad esempio il giallo della foto "rospi20": i colori delle rocce sono davvero così e a volte anche di più.
Una cosa da far notare è il particolare ambiente biancastro, lattescente, "polveroso" che c'è in molte foto. Questo è caratteristico di molti torrenti della zona ed è dovuto alla massiccia presenza di "marmettola", la sottile polvere dovuta al taglio del marmo che viene effettuato da centinaia di anni nelle molte cave situate a monte dei corsi d'acqua.
Attenzione! CONSIGLIO A TUTTI QUELLI CHE NON CONOSCONO LA BIOLOGIA RIPRODUTTIVA DEI ROSPI DI GUARDARE PRIMA LA GALLERIA FOTOGRAFICA E SOLO DOPO DI LEGGERE LE NOTE CHE SEGUONO, credo che così ci sarà più "gusto" nel vedere le curiose immagini degli accoppiamenti.

Parliamo prima della specie di rospo più ingombrante come numero e dimensioni: il rospo comune (Bufo bufo), le cui femmine possono superare i 15 cm di taglia. Da fine marzo a inizio giugno questi animali spesso disprezzati ma che io trovo affascinanti si scatenano nella loro stagione della riproduzione. Centinaia di maschi si ritrovano nei torrenti e attendono le relativamente poche femmine nei luoghi di deposizione delle uova, probabilmente ognuno lì dove è nato. Una delle cose che appare straordinaria è la grande variabilità della loro colorazione screziata, dal verde al giallo, dal grigio fino all'arancione acceso, uno spettacolo! Anche le femmine variano di colore e hanno una mole molto superiore al maschio, anche perché sono piene ognuna di centinaia di uova.
Il primo maschio che riesce a raggiungere la femmina si posiziona sopra di lei stringendola dietro la testa. È quasi impossibile rimuoverlo da lì ma tutti gli altri ci provano formando delle apparenti orge, che invece sono lotte per la "pole-position" che impegnano anche quindici individui per volta. Gli arrapatissimi maschietti si lasciano prendere da un'eccitazione tale che spesso appena si mette la mano nell'acqua uno o due maschi ti si attaccano stretti alla mano o al braccio! e si attaccano pure all'attrezzatura fotografica immersa. Gli animali non sono affatto velenosi e irritanti per la nostra pelle, basta avere ovviamente l'accortezza di non farsi toccare le mucose. Ma qui si impara uno dei tanti segreti della Natura: i rospi hanno unghie appuntite e per non graffiare o ferire le femmine i pur focosi pretendenti non le stanno attaccati con le dita ma con l'interno dei polsi (antropomorficamente parlando una bella delicatezza direi!).
I rospi non hanno pène e la fecondazione è quindi extracorporea: la femmina emette nell'acqua lunghi cordoni gelatinosi con dentro le uova, il maschio emette lo sperma, gli spermatozoi vengono attratti dal cordone e penetrano così nelle uova. Ho notato che raramente c'è lotta dal momento che la femmina comincia a deporre, a quel punto c'è evidentemente un riconosciuto vincitore. I cordoni appena emessi sono fini e trasparenti, successivamente si gonfiano e si opacizzano, e dopo ancora qualche giorno escono i minuscoli girini. In certi momenti tutto il torrente è attraversato dai lunghi cordoni e dopo le nascite si trovano centinaia se non migliaia di girini nella stessa pozza.
I neonati sono alla mercè di qualunque predatore ma il pericolo più grande sono le piene che li portano quasi tutti verso il mare. La principale causa di morte degli adulti è invece purtroppo l'attraversamento stradale.
Veniamo invece all'ululone dal ventre giallo (Bombina variegata). È un piccolissimo rospo di appena 5 cm che ha nel colore la sua caratteristica principale. Mentre sul dorso è marroncino leggermente screziato e per questo estremamente mimetico nelle piccole pozze parzialmente fangose dove vive, sotto al ventre è di un incredibile colore giallo acceso che definirei "sfacciato" e per di più con zone bluastre! La colorazione dovrebbe indicare ai predatori la sua indigeribilità se non velenosità, ma solo una delle tante volte che gli sono andato assai vicino ha avuto la reazione di voltarsi come morto per mostrare così la sua coloratissima "sorpresa".
Non ho mai visto tra gli ululoni lotte di gruppo ma solo coppie "tranquille". Non stanno mai in acque in diretta comunicazione col corso del torrente ma solo in pozze isolate, e in ogni pozza non ho mai visto più di due individui. Le uova sono raccolte in piccoli gruppi. Tutto quello che vi sto dicendo non sono cose lette ma solo osservazioni sul campo di un erpetologo molto dilettante.

Come sono state fatte le foto subacquee dei rospi comuni. Intanto c'è da dire che gli animali non sono minimamente disturbati dalla nostra presenza, anzi come ho già detto tentano addirittura di accoppiarsi con noi. L'obiettivo usato è un 20 mm autofocus con macchina tradizionale montata dentro uno scafandro dedicato provvisto di oblò semisferico. Ci sono scafandri per tutte le macchine da Foto-Shark, via Tosco-Romagnola 1222 a San Frediano a Settimo (Pisa), Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . In questo caso è comunque consigliabile usare il digitale, perché è impossibile guardare nel mirino mentre si fanno le foto, a causa dell'acqua troppo bassa, e quindi non si sa esattamente come è venuta l'inquadratura. Ovviamente con l'esperienza si impara grosso modo a "mirare" anche senza guardare nel mirino ed io uso tuttora la pellicola, ma poter controllare sùbito cosa si è fotografato aiuterebbe molto. I guanti da subacqueo sono parzialmente utili per l'acqua freddissima che congela rapidamente le mani.
Per gli ululoni invece il digitale è stato d'obbligo perché si accoppiano in acque profonde pochi centimetri e quindi lo scafandro è già troppo "alto" per riprenderli. Ecco quindi la necessità di una compattina digitale con la sua piccola custodia subacquea dedicata, alta pochi centimetri.

Ultimo aggiornamento Venerdì 28 Novembre 2008 13:42
 
TORNA ALLA HOME - © 2008 carlodelli.com - Tutti i diritti riservati